Cosa ho imparato seguendo 85 tra webinar, corsi e conferenze

Cosa ho imparato seguendo 85 tra webinar, corsi e conferenze

Cosa ho imparato seguendo 85 tra webinar, corsi e conferenze

Nessun commento su Cosa ho imparato seguendo 85 tra webinar, corsi e conferenze

Cosa ho imparato seguendo 85 (*) tra webinar, corsi e conferenze e perché dovreste fare così anche voi?

Sapete quanto sia importante la formazione continua quando si lavora nel web. Ho voluto fare un rapido conto di quanti webinar, corsi, conferenze ed eventi ho partecipato e quali vantaggi ho ottenuto. Ecco i risultati e le mie riflessioni al riguardo.

Nel periodo tra ottobre 2014 a oggi ho seguito 85 eventi di cui 76 webinar, 2 corsi, 4 conferenze e 3 seminari. Di questi solo 7 (la maggior parte in unico evento) li ho seguiti in aula e ben 78 in streaming/online (in diretta o in registrata), inoltre ne ho pagati 4, mentre gli altri 81 erano tutti assolutamente e meravigliosamente gratis. Se vogliamo divertirci con le percentuali significa che ben il 91% erano online e il 95% gratis (ecco perché adoro internet!). Totale spese sostenute: € 331,94 che diviso 85 fa € 3,91 circa a evento in 10 mesi di lasso temporale.

Una spesa decisamente sostenibile, no? Da questi dati emergono tutta una serie di ragionamenti che si possono fare, al di là delle tematiche che ho scelto che spaziano dai vari social network, ai tool di analisi o di lavoro, alle metodologie di approccio alla scrittura online e offline. Ognuno naturalmente sceglie in base al tipo di lavoro che fa e alle sue esigenze.

Qual è stato il criterio di scelta?

Questo riguarda soprattutto quando ho dovuto scegliere i corsi a pagamento. Mi sono orientata su tematiche di cui non sapevo assolutamente nulla, ma volevo assolutamente sapere, mi sono informata sui relatori e sulla loro esperienza in materia, sui giudizi di altri che li avevano già frequentati. Ho scelto i corsi nella mia città per non dover sostenere ulteriori spese di spostamento ed extra annessi (va bene anche la città dove abitano i genitori, se diversa dalla propria!) In sostanza una volta l’anno ho deciso di spendere dei soldi per un corso a pagamento. Tutti gli altri devono essere gratuiti per bilanciare le spese che sostengo per la gestione della mia attività (mantenimento sito, eventuali deleghe di lavori, cancelleria, tasse, eventuale assistenza tecnica/ riparazioni device).

Quest’anno ho fatto un’eccezione per due webinar super specialistici per l’entrata in vigore della cookie law (li considero un vero e proprio investimento per il futuro).

Quelli gratuiti sono stati ovviamente più semplici da scegliere, non essendoci il fattore denaro da considerare. Diciamo che mi sono concentrata sulle tematiche inerenti ai contenuti (progettazione e scrittura), Facebook, Twitter e Google Plus, tool di analisi e organizzazione del lavoro e del tempo, e naturalmente SEO. Un extra anche qui per un corso di scrittura di viaggio: un domani mi piacerebbe pubblicare un e-book di viaggio.

Qualcuno dirà quanta roba, ma come fai a ricordare tutto, non è dispersivo? Infatti ora vengo al secondo punto.

Come gestire la massa di informazioni apprese in questi corsi?

Io mi sono armata di una bel quaderno con gli anelli e fogli bianchi, moooolto cicciotto e ho cominciato a scrivere, scrivere e scrivere mentre ascoltavo tutti gli interventi, le interviste, le relazioni e i webinar. Ho segnato il nome del relatore o dell’intervistato, il titolo, chi ha organizzato l’evento, all’interno di quale manifestazione on e off line e la data. Poi mi sono fatta un elenco in excel di tutto: i titoli erano già parlanti di per sé pertanto non ho avuto bisogno di inserire tag o categorie.

Solitamente se c’è qualcosa che colpisce la mia attenzione subito, vado a controllare online quel tool o quella funzione, altrimenti archivio per quando mi servirà. Comunque già scrivendo si fissano una buona parte delle cose, e se c’è qualcosa che non memorizzo, probabilmente non era così importante (diciamo che faccio parecchio affidamento a quei cassettini della memoria da aprire all’occorrenza!). Finito il corso o il webinar, sottolineo le due-tre cose più importanti con un bel evidenziatore. Tengo quindi la mia bibbia dei seminari sulla scrivania a portata di mano per ogni eventualità.

Diciamo che aspetto che si presenti quella necessità per approfondire determinate cose, tanto comunque è tutto così in evoluzione così velocemente (ecco quello che non mi piace di internet), che il famoso learning by doing conviene farlo quando si ha un reale bisogno, altrimenti si rischia di imparare qualcosa che nel frattempo magari è già diventato obsoleto. Intanto so che esistono e le archivio nel mio bel quadernotto.

Come gestire la formazione con le altre attività di lavoro?

Oh, questo è l’aspetto migliore di tutta la faccenda. La programmazione: gestire tutto da casa o dalla propria città non ha prezzo (tranne quello eventuale del corso!). Come avevo detto già altre volte nella versione precedente del Giardino del Web, premesso che occorre sempre prevedere della formazione nella propria attività quando si lavora in internet, obiettivamente è veramente una perdita di tempo seguire un webinar nella pausa pranzo o vederlo in differita la sera dopo cena? Oppure se l’attività di lavoro è tranquilla e non ci sono scadenze in vista, dedicare un’oretta o una mezza giornata a un evento online od offline, impatta davvero così tanto col resto della giornata o della settimana?

Siamo sotto pressione per carico di lavoro? Ok, allora riprogrammiamo le altre attività che facciamo di solito magari di extra, organizziamoci per tempo, chiediamoci anche se è veramente importante partecipare a quel momento formativo. Se poi si può rivedere in differita, problema risolto, giusto?

Consideriamolo un bonus, un regalo che ci facciamo per il nostro bene lavorativo e se poi non spendiamo un Euro, tanto meglio, no? 🙂

Vantaggi ottenuti da questo tipo di formazione

I vantaggi sono molteplici non solo per il fattore tempo e denaro:

  • Tempo e denaro risparmiati ovviamente se non ci si muove da casa o al massimo ci si sposta nella propria città
  • Tempo e denaro risparmiati nel provare tool e nuove funzionalità: i relatori molto spesso per esperienza loro personale ti indicano non solo pregi e difetti di determinati programmi, ma danno preziosissimi suggerimenti per velocizzare procedure e dicono a quali metriche guardare senza perdersi nel mare magnum dei dati. Così capisci subito dove andare a parare e se è più utile per te usare questo o quel tool.

Fattore novità:

  • Se anche ascolti l’ennesimo intervento su Google Analytics o Facebook scoprirai sempre qualcosa di nuovo, vuoi che ognuno lavora in maniera diversa, vuoi che i progetti e gli obiettivi sono sempre diversi, puoi sempre trovare uno spunto interessante da calare nella tua attività quotidiana
  • Visto che tutto online si muove a velocità pazzesca, cosa c’è di meglio che seguire direttamente dalla bocca di qualcuno le novità in materia di questo argomento o di quello? In più magari sono già testate, pertanto ancora meglio!

Fattore dubbi, domande:

  • Durante questi eventi si ha spesso la possibilità di sottoporre domande su tematiche che non ci sono chiare, se non addirittura di sottoporre il caso personale: spesso si ottengono risposte e soluzioni a cui magari non avevamo pensato. Se magari siamo timidi, le domande le fanno gli altri, niente paura!
  • Capita anche che vengano aperte pagine dedicate di Facebook dopo il corso: e allora vai anche qui di domande e condivisioni di esperienze, tool, opinioni!

Fattore ispirazione:

  • qualcuno ha detto impara dai grandi e in questo caso dai più esperti. Anche se magari talvolta può succedere che le aspettative vengano deluse dai grandi, si possono avere delle incredibili sorprese anche dai piccoli. Mai escludere quindi a priori gli sconosciuti, quelli che non calcano i palchi come delle rock star, che non hanno scritto un libro, che non hanno un canale dedicato su You Tube. Un esempio? La Gelateria Godot di Rovigo di cui avevo parlato anche qui.

Fattore umano:

  • Ovvio che conoscere dal vivo, anche se separati da uno schermo, un relatore, soprattutto se uno dei nostri guru preferiti, è un’esperienza incredibile, sentirlo parlare, avere la possibilità di fargli delle domande e ottenere le risposte, ma è ancora meglio avere la possibilità di conoscere compagni di corso e di webinar. Magari ci si ritrova per confrontare gli appunti (come mi è successo due anni fa) e riflettere su quanto appreso al corso, magari possono nascere delle collaborazioni (pare che stia succedendo a dei partecipanti di un webinar che ho seguito recentemente), magari nasce una semplice amicizia online (si possono trovare persone molto disponibili e aperte al confronto). Chissà, da cosa può nascer cosa, senza farsi illusioni (siamo in Italia, ricordiamolo). L’importante è avere delle possibilità e se sono rose fioriranno, si dice no?

Ma ora dimmi di te: quanti corsi, webinar e conferenze hai seguito in questo ultimo periodo?

Dimmi un aspetto positivo che hai notato, di cui magari non ho scritto. Non scrivermi quelli negativi, ci sono già troppe persone che si lamentano. Dei lamentoni non ne voglio sapere 😉

Rispondi qui oppure nei commenti qui sotto! Grazie!

(*) A ottobre 2015 il numero è arrivato a quota 100 e ogni anno aumenta sempre di più 🙂

Se vi è piaciuto questo articolo condividetelo nei social oppure seguite gli aggiornamenti del blog iscrivendovi alla newsletter qui sotto nel footer a destra e riceverete in regalo l’e-book “Il Giardino del web”.

Copyright foto: Anna Colagè 2015-2018

Sull'autrice

Sono UX copywriter e content strategist: progetto e scrivo contenuti per il web per attrarre, fidelizzare e coccolare gli utenti che visitano le tue pagine web. Come posso aiutarti?

Tags:

Cosa ne pensi?


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica sulla privacy e cookie policy del sito annacolage.it

Privacy Policy Cookie Policy

Mi trovi anche su

Dal passato

"Piccole opportunità sono spesso l'inizio di grandi imprese" Demostene, IV sec. a.C.

Sito ospitato con professionalità su Siteground

Vorrei scoprire la content strategy, il content marketing, gli strumenti e le tecniche di web writing e leggere l’e-book “Il Giardino del Web”

Torna su